Ciliegiolo

Ciliegiolo

Il Ciliegiolo, rosso rubino tenue e luminoso, note olfattive fruttate di ciliegia e piccoli frutti di sottobosco, elegante al sorso, fresco e appagante con finale in un crescendo di sapori.

Curiosità

Le origini di questo vitigno Ciliegiolo sono incerte. Sembra che la sua introduzione in Italia risalga al 1870 circa, portato dai pellegrini di ritorno dal Santuario di San Giacomo di Compostela in Spagna.

Caratteristiche

Il Vitigno

Foglia di forma pentagonale media o grande, trilobata o quinquelobata; portamento espanso della vegetazione. Grappolo grosso, d'aspetto semi compatto o compatto, allungato, piramidale con una o più spesso due ali. Acino medio grande, arrotondato. Buccia molto pruinosa e polpa succosa.

Il Vino

Vino di colore da rosso cerasuolo a rosso rubino; odore fruttato, intenso e persistente. Sapore sapido, di buon corpo, armonico, con sentori di frutti di bosco. Alcolicità: 11 - 12%.

Come viene lavorato

Servirlo e conservarlo
Deve essere servito ad una temperatura di 10°C, in bicchieri a calice di media grandezza con stelo alto. Dà il meglio di sé nel primo anno di vita.
Deve essere conservato in posizione coricata negli scompartimenti più bassi della cantina, ad una temperatura costante tra i 10°e i 14°C.

L'abbinamento perfetto

Vino rosso con il suo delicato profumo unito ad una equilibrata sapidità è adatto ad accompagnare una buona scelta di piatti, dagli antipasti di mare al minestrone alla genovese, lasagne al pesto, risotto con polpo, orata al forno con patate o al cartoccio.

Dove trovarlo

[qui andrà il codice embed della mappa]

Vivi un viaggio nei sapori liguri

  • Ricette
  • Itinerari
  • Experience