Parco dell’Aveto – i Sentieri

Parco dell’Aveto – i Sentieri

Il territorio più montano è un paradiso per gli appassionati di trekking, mtb e horsewatching - Oltre l'Alta Via dei Monti Liguri, che ne attraversa il territorio per la sua intera larghezza, puoi inoltrati lungo percorsi senza tempo, che caratterizzano il parco, meta ideale per chi ama il trekking e la mtb. Ogni stagione è ideale, anche se ci sono alcuni periodi dell’anno con appeal particolari, come l’autunno quando il parco diventa il paradiso dei cercatori di funghi e degli appassionati del foliage: i colori dei boschi cambia tonalità e diventa esaltante. D’estate scoprirai il luogo ideale per sfuggire alla canicola.

Nome in dialetto: Aveto

IAT Parco dell'Aveto: Via Marrè 75A, 16041 Borzonasca

Tel: 0185.340311

Email: info@parcoaveto.it

IAT Valli del Parco dell'Aveto: Via Vittorio Veneto 13, 16041 Borzonasca

Tel: 334 61 17 354 - 334 95 75 893

Email: info@unamontagnadiaccoglienza.it

IAT Santo Stefano d'Aveto: P.za del Popolo 6, 16049 S. Stefano d'Aveto

Tel: +39 0185 88 046

Email: turismo@comune.santostefanodaveto.ge.it

IAT Rezzoaglio: Via Roma 20, 16048 Rezzoaglio

Tel: 0185 86 606 (apertura estiva)

Email: rezzoaglio.iat@gmail.com

Le valli Aveto e Fontanabuona sono note per la coltivazione della Patata Quarantina, varietà di tubero adatta a cicli colturali brevi.

La Grande Attraversata

Quello che ti proponiamo è un itinerario per buoni camminatori (durata di 8 ore) caratterizzato da una grande varietà di ambienti e paesaggi. Elemento dominante di questo sentiero è l'acqua, presente in abbondanza. Il primo incontro lo farai con i Laghi di Giacopiane, mentre sul versante padano, vicino al Lago delle Lame, al tuo sguardo si apre la suggestiva 'cascata di rocce', formazione morenica lasciata dall'ultima glaciazione.

L’autunno? Nel Parco dell’Aveto è una delle stagioni più affascinanti, grazie ai colori del foliage, che trasforma le foreste avetane in un paradiso per fotografi.

I cavalli selvaggi dell’Aveto

Qui potrai ammirare cavalli stato brado, adattandosi perfettamente al territorio che li ospitava e riproducendosi liberamente senza alcun contatto con l’uomo. Rappresentano in Italia un’unicità e una risorsa naturalistica preziosa. Quasi ogni fine settimana dell’anno è possibile partecipare all’’horsewatching, accompagnati da guide specializzate per ammirare i branchi in libertà.

Grazie alla seggiovia che porta da Rocca d'Aveto al Prato della Cipolla, quando le condizioni di meteo-nivologiche lo consentono, puoi arrivare fino alla vetta del Monte Bue e sciare.

Tra boschi e laghi glaciali

Una delle mete più conosciute della Val d’Aveto è il Lago delle Lame, un piccolo specchio d’acqua di origine glaciale con una caratteristica colorazione tra il blu e il verde che lo rendono un posto un po’ fatato. I laghi di origine glaciale in Liguria sono molto pochi e il Lago delle Lame è tra questi. Altri laghi glaciali sono quelli delle Agoraie.

Vivi

  • Consigli
  • Eventi
  • Itinerari
  • Experience
  • Consigli
  • Eventi
  • Itinerari
  • Experience