Trekking ed escursioni in Liguria

Riviera dei Fiori

Coldirodi esplorazione botanica
Da venerdì 21 a domenica 23 giugno visita guidata all’esposizione, che si protrarrà fino al 23 giugno prossimo, offre un’immersione nell’affascinante mondo della flora locale attraverso gli erbari storici e le collezioni contemporanee di Marco Damele. Gli erbari del 1800, insieme al tesoro botanico locale dell’autore, raccontano storie di adattamento, sopravvivenza e bellezza, sottolineando l’importanza della conservazione della biodiversità e del patrimonio naturale. La mostra è suddivisa in due sale: la prima ospita preziosi erbari del 1800, mentre la seconda è dedicata alle essenze locali raccolte e classificate da Damele. Quest’ultimo, scrittore e botanico formatosi alla scuola di Libereso Guglielmi, ha presentato nel seminario di apertura la sua ricerca volta al recupero di varietà orticole quasi dimenticate, come la cipolla egiziana ligure (Allium cepa viviparum). https://pinacotecarambaldi.it/

La chiesa di Triora
Da venerdì 21 a domenica 23 giugno riapre al pubblico la chiesa di San Bernardino a Triora, paesino dell’entroterra imperiese molto conosciuto come paese delle streghe. L’edificio religioso fu eretto agli inizi del 1400 in posizione strategica, lungo la via dei pellegrini che dall’Italia raggiungevano la Provenza e Avignone. Fu dedicato alla figura di San Bernardino, che proprio in quel periodo predicava lungo le strade dell’Italia e della Liguria, per pacificare una popolazione inquieta e molto bellicosa. Bernardino da Siena apparteneva all’Ordine dei Francescani e le sue predicazioni furono così importanti per lo spirito di conciliazione e di rinnovamento della vita religiosa dei comuni appena sorti, che il Papa Niccolò V lo proclamò Santo nel 1450. museoditroira.it.

Apre l’Alta Via del Sale
Sabato 22 giugno apre l’Alta Via del Sale è una spettacolare strada bianca ex-militare che collega le Alpi Piemontesi e Francesi al Mare Ligure, si snoda tra i 1800 e i 2100 metri di quota lungo lo spartiacque alpino principale presso il confine italo-francese, attraversando a mezzacosta, valichi alpini, tornanti e passaggi arditi. Il tracciato, interamente sterrato, collega in quota Limone Piemonte, in Provincia di Cuneo, e Monesi di Triora nella Liguria montana per una lunghezza totale di circa 30 km. Il transito è aperto nei mesi estivi, dopo lo scioglimento delle nevi, ed in autunno a pedoni, ciclisti e mezzi a motore (ad eccezione di alcuni giorni della settimana in cui la Via del Sale è riservata a soli pedoni e ciclisti. Alta Via

Il museo Diocesano di Pieve di Teco
Sabato 22 giugno riapertura per il museo Diocesano dell’Alta Valle Arroscia all’Oratorio della Ripa di Pieve di Teco. La sezione distaccata del Museo offre una straordinaria galleria artistica che va dagli affreschi medievali alle grandi pale barocche e tardo barocche di autori che hanno reso celebre l’arte ligure nei secoli tra cui, per esempio, una maestosa statua lignea di Antonio Maria Maragliano e la grande ultima Cena di Domenico Piola. Rimando, questo, all’ultima cena presente in mostra ad Albenga, un gruppo scultoreo ligneo risalente ai primi del Cinquecento, tra le più suggestive creazioni dell’arte popolare del ponente ligure. Pieve di Teco

Monte Saccarello
Domenica 23 giugno si potrà partecipare a un’escursione nel Parco delle Alpi Liguri, fino sul tetto della Liguria, partendo da Monesi di Triora. Il Monte Saccarello (2200 metri) sarà la meta di un itinerario ricco di storia, panorami mozzafiato che spazieranno dalle vette più alte delle Alpi Liguri al mare ed una natura che, con la fioritura dei rododendri, darà spettacolo. Monte Saccarello

Il Castello Doria a Dolceacqua
Sabato 22 e domenica 23 giugno visite guidate al castello Doria. Il primo documento che cita Dolceacqua risale al 1151; infatti fu proprio nel XII secolo che i conti di Ventimiglia fecero costruire il primo nucleo del castello. Il castello subì diverse trasformazioni. Il primitivo impianto feudale, difeso alla fine del Duecento dalla torre circolare, venne ingrandito ed incluso nel XIV secolo in una cinta muraria più ampia. Alla fine dell’età rinascimentale il castrum diventò una grandiosa residenza signorile fortificata, con imponenti apparati difensivi. castello@cooperativa-omnia.com

Il Duomo di San Maurizio
Venerdì 21 giugno visita al duomo di San Maurizio, nel cuore del centro storico, ai piedi del Parasio. Dal mare e dalle colline circostanti spiccano, tra i tetti rossi, i campanili gemelli, bianchi e gialli, e la maestosa cupola. Con i suoi undici altari, la basilica fu costruita a partire dal 1781 su progetto di Gaetano Cantoni. L’edificio è in stile neoclassico con linee semplici e pulite che ne evidenziano la maestosità austera sia in facciata, con l’ampio colonnato, sia all’interno, dove i pavimenti intarsiati di marmo riflettono la luce dell’immensa cupola decorata a cassettoni e delle numerose finestre colorate. Il candore dell’intonaco e del marmo sono interrotti soltanto dai dipinti, dagli affreschi e dalle sculture di rinomati artisti: Viazzi, Massabò, Coghetti, Piola, De Ferrari e Finelli, la cui statua dedicata a San Maurizio ricorda le opere di Canova. https://www.imperiaexperience.it/it/

Picnic ai Giardini Hanbury
Sabato 22 giugno torna l’iniziativa che poi verrà riproposta per tutta la primavera. Nel corso della giornata visita guidata alla scoperta delle fioriture del giardino ed al termine verrà consegnato il picnic che potrete degustare o sul prato (si consiglia di portare asciugamano o plaid) o sulle panche all’ombra dei pini, davanti al punto di ristoro sul livello del mare. I giardini a primavera sono un paradiso di fiori, di piante e di colori: dal bianco della rosa levigata originaria della Cina al carminio della salvia cinnabarina del Messico fino al blu dell’echium. Da vedere ancora le fontane (degli aironi, del drago, del papiro, del fauno, della sirena), la vasca del leone, i tempietti (votivo, delle 4 stagioni, del frantoio), la grotta schiava. Tel. 0184229507.

Villa Faravelli
Domenica 23 giugno torna “Villa Faravelli, un gioiello da scoprire”, una visita accompagnata alla collezione permanente del museo, per scoprire la Villa e le opere in essa contenute. Villa Faravelli, circondata da un ampio parco, è un gioiello dell’architettura degli anni ’40 costruito per volere dell’industriale Umberto Faravelli. Nel 2016 la villa storica diventa residenza della Collezione di arte contemporanea dell’Architetto genovese Lino Invernizzi, lascito alla città dalla vedova Maria Teresa Danè. La donazione comprende una settantina di opere dei protagonisti del panorama artistico italiano e internazionale della seconda metà del ‘900. museiimperia@solidarietaelavoro.it

Visita ai Giardini Botanici Hanbury
Sabato 22 e domenica 23 giugno si potranno visitare i celebri Giardini di Ventimiglia, sul promontorio di Capo Mortola a pochi chilometri dal confine francese. Un luogo lussureggiante che si estende su una superficie di circa 18 ettari circa. Il promontorio gode di un clima eccezionalmente mite; l’esistenza di microclimi differenti ha favorito la messa a dimora e l’acclimatazione di essenze provenienti da tutto il mondo. Visite guidate su prenotazione per gruppi presso il punto di ristoro sul livello del mare all’ombra dei pini. http://www.cooperativa-omnia.com/

Ariston Tour
Da venerdì 21 a domenica 23 giugno torna l’Ariston Tour, un percorso guidato nei camerini, nei corridoi e nelle sale da cui sono passati i più importanti artisti del mondo. Una visita alla scoperta dei segreti e delle curiosità di questo luogo magico (durata 60 minuti). Ingresso dalla hall del Teatro Ariston. https://aristonsanremo.com/ariston-tour/

Giardini Hanbury

 

Riviera delle Palme

I segreti dei pipistrelli
Venerdì 21 giugno, escursione che parte da un interrogativo: cosa succede nel Parco quando calano le tenebre? Mentre gli animali diurni tornano alle loro tane, ai nidi, ai ripari dove trascorreranno la notte, altri animali entrano in azione e protetti dal buio vanno in cerca di cibo, cercando di evitare i predatori. Si può provare a conoscere la risposta insieme gli abitanti della notte! Ritrovo: ore 20:30 presso piazza San Pietro, San Pietro d’Olba, Urbe. https://www.parcobeigua.it/

Praterie del Beigua
Sabato 22 giugno una facile passeggiata lungo l’Alta Via dei Monti Liguri per scoprire l’importanza naturalistica delle praterie e degli ambienti rupestri che caratterizzano il Beigua, in particolare per gli uccelli che li frequentano. Insieme alla Guida del Parco si inconterà Sergio Fasano, ornitologo, che ci spiegherà l’importanza di questi habitat per le specie nidificanti e quali sono gli interventi necessari per migliorare lo stato di conservazione delle praterie. https://www.parcobeigua.it/

Trekking urbano alle Fornaci
Sabato 22 giugno escursione urbana con “Fornaci Liberty e Fornac in musica”. Il trekking partirà da Via Cimarosa (con trenino se almeno 30 partecipanti) per passare in via Cherubini e ritorno in corso Vittorio Veneto per via Servettaz, corso Tardy & Benech,corso Viglienzoni fino a via Vivaldi. Durata del trekking: circa 2 ore. https://visitsavona.com/

Monte Pracaban
Domenica 23 giugno, trekking lungo un percorso ad anello, per gran parte all’interno dei boschi, ma quando raggiunge le vette, in particolare il Monte Pracaban, offre una vista spettacolare a 360 gradi. Non ci sono particolari attrazioni da elencare in questa descrizione, ma di sicuro lascerà soddisfatti i partecipanti che amano percorrere un classico trek piacevole e vario. Alla fine della gita è possibile una visita al Museo Passatempo. La visita è facoltativa, ma fortemente consigliata. Si tratta di un museo unico nel suo genere che riscuote sempre grandissimo successo e soddisfazione da parte dei visitatori. Monte Prabacan

Canoa e trek a Bergeggi
Sabato 22 giugno, doppio evento composto da un magnifico trek nella sughereta di Bergeggi al mattino ed un rinfrescante giro in canoa nel pomeriggio!  In canoa faremo il giro dell’isolotto di Begeggi. Potremo ammirare la Grotta Marina di Bergeggi dove visse l’uomo di CroMagnon e la Grotta di Punta Predani, lunga ben 50 m.  Poi costeggiando le pocket beach del Lido delle Sirene compieremo la traversata all’isola di Bergeggi, che tutela la colonia di gabbiani reali e specie vegetali sempre più rare. Per la pausa pranzo si potrà utilizzare il bar della vicina spiaggia pubblica attrezzata. Canoa

La cappella Oliveri
Domenica 23 giugno, visita guidata del ciclo di affreschi della Cappella di Santa Maria degli Oliveri, nella parte absidale destra della chiesa domenicana di Santa Caterina in Finalborgo. Uno dei più importanti esempi della pittura medievale in Liguria, anche per i suoi riferimenti all’ambiente artistico toscano del periodo. La Cappella, appartenente originariamente alla famiglia Oliveri, il cui stemma fu dipinto sulle volte, prima del 1589 passò agli Arnaldi e l’ambiente conobbe varie trasformazioni legate al mutare dei gusti decorativi; in questa fase gli affreschi furono picchettati e coperti da intonaci. http://turismo.comunefinaleligure.it/

Il campanile medievale
Domenica 23 giugno visita guidata al campanile medievale della chiesa di Santa Caterina in Finalborgo, con l’annesso convento trasformato in penitenziario nel 1864. Una visita che consente di effettuare una salita esperienziale nel passato tra anguste e buie celle di rigore. Dopo essersi immersi nella dura atmosfera di un carcere ottocentesco, si raggiunge infine la sommità della torre da dove è possibile ammirare dall’alto Finalborgo e il circostante paesaggio del Finale. http://turismo.comunefinaleligure.it/

Sentiero del Pellegrino
Domenica 23 giugno ad ammirare il mausoleo dell’Australiano con vista sulla Baia dei Saraceni. raggiungeremo Punta Crena, uno dei punti panoramici più belli della Riviera di Ponente. Scenderemo giù fino alla Grotta dei Falsari e parleremo di macchia mediterranea, di alcuni endemismi di questa zona come la Campanula. Parleremo dei resti della Chiesa di Santa Margherita e dell’Eremo del Capitano d’Albertis. Finiremo infine la nostra avventura raggiungendo il bellissimo borgo di Noli. Sentiero del Pellegrino

Pratorondanino
Sabato 22 e domenica 23 giugno riapre al pubblico il giardino Botanico di Pratorondanino. Quest’anno, oltre alle attività legate alle piante al giardino, i visitatori sentiranno parlare di anfibi: il laghetto e lo stagno sono ricchi di specie rare che verranno monitorate accuratamente garantendo loro una maggiore protezione. Inoltre, il giardino ospiterà i partecipanti alle escursioni organizzate in collaborazione con il Parco del Beigua che, partendo dal borgo di Campo Ligure, visiteranno il Museo della Filigrana e raggiungeranno il Giardino Botanico. Il giardino è stato creato e inaugurato nel 1983. https://www.facebook.com/giardinopratorondanino

Il cinema e Ferrania
Sabato 22 giugno ritorna il tour di archeologia industriale in Liguria, dedicato alla scoperta della nascita ed evoluzione dell’unico stabilimento di materiale fotosensibile italiano. Dagli albori a Cengio con la S.i.p.e. Società Italiana prodotti Esplodenti, fino alla Ferrania a Cairo Montenotte, contestualizzate all’interno della storia industriale novecentesca della Val Bormida. Le visite guidate verranno condotte ogni ultimo sabato del mese da una guida certificata di archeologia industriale. Ritrovo a Cengio davanti a Palazzo Rosso e inizio della visita; poi trasferimento al Ferrania Film Museum e al sito industriale Ferrania. trattopunto.industrialtourism@gmail.com

Visita ai Sotterranei del Priamar
Sabato 22 giugno si possono esplorare le parti meno conosciute della Fortezza simbolo di Savona. La visita guidata partirà alle 20.30 nella Piazza del Maschio, davanti al Civico Museo archeologico e della Città; scoprirete con i nostri archeologi i sotterranei della Fortezza: si esploreranno i quattro percorsi sotterranei di San Bernardo, San Francesco, Santa Caterina e Santissima Concezione.  Per la visita si devono indossare scarpe comode e di portare, chi volesse, una torcia. Si finisce con aperitivo info@museoarcheosavona.it

Cima del Beigua

Genova ed entroterra

Crevari e le focaccette
Venerdì 21 giugno escursione con partenza alle ore 16.40 dal pittoresco paese di Crevari, di fronte al ristorante Da Nicola. Si percorrerà la salita fino alle Rocche su Prou Ballou per terminare al monte Pennone a 800 metri. Queste cime fanno parte dei Monti di Crevari, un insieme di cime non molto elevate che racchiudono un piccolo altopiano a picco sul Mar Ligure e il Ponente genovese. Al termine del giro chi ha piacere, parteciperemo alla festa delle focaccette di Crevari. Crevari

La basilica di Carignano raddoppia
Venerdì 21 e sabato 22 giugno si amplia l’offerta dell’esperienza di salita e visita alla Basilica di Nostra Signora Assunta in Carignano con due turni serali. Una proposta per ammirare il panorama della città anche nell’ora del tramonto con luci e ombre che regalano un’immagine unica di Genova. La visita guidata alterna ai contenuti storico artistici, affacci panoramici raggiungibili attraverso antichi camminamenti e scale a chiocciola, per un totale di circa 200 gradini. www.kalata.it

Visita esoterica
Sabato 22 giugno, a Villa Durazzo Pallavicini di Pegli, torna la visita guidata diurna al percorso esoterico-massonico. La direttrice porta a scoprire i significati nascosti nel Parco, per andare più in profondità ed abbracciare isignificati filosofici e spirituali che hanno ispirato il Marchese Pallavicini e lo scenografo Michele Canzio nella realizzazione di questo bene monumentale. https://www.villadurazzopallavicini.it

Giro in barca sul lago grande
Domenica 23 giugno tornano le barchette sul Lago Grande di Villa Durazzo. I visitatori potranno provare la meraviglia di solcare le acque del Lago Grande, passando vicino al Tempio di Diana e sotto il Ponte Cinese, così come accadeva nella seconda metà dell’Ottocento. giro in barca

La Badia di Tiglieto
Sabato 22 giugno appuntamento con le guide del Parco del Beigua per la visita alla Chiesa, all’Armarium, alla Sala Capitolare e al chiostro. La chiesa abbaziale, nonostante la diretta filiazione da La Ferté, risenti parecchio dell’influsso delle maestranze locali, che vennero attivamente impiegate nella sua edificazione dai monaci cistercensi. Non si ha la data precisa di inizio della costruzione, anche se, solitamente, la fabbrica della chiesa era il primo edificio ad essere eretto dopo l’insediamento in un luogo da parte dei Cistercensi; quindi, il periodo di edificazione probabile è da farsi risalire alla prima metà del XII sec. https://www.parcobeigua.it/

Il ritorno del Castello della Pietra
Sabato 22 e domenica 23 giugno riapre alle visite il Castello della Pietra, un capolavoro di architettura castellana ligure: il Castello della Pietra. Anche se le mura si trovano strette tra due grandi torrioni di puddinga, l’appellativo dell’architettura difensiva medioevale deriva dal nome della famiglia “della Pietra” che ne fu proprietaria fino al 1518, anno in cui il maniero passò agli Adorno fino ad essere abbandonato a seguito del trattato di Campoformio (1797) che sanciva la fine dell’epoca feudale. Il castello dal 1993 è visitabile negli ambienti interni grazie a oculati interventi di recupero: cisterne, segrete, camini, scale, posti di guardia, camminamenti di ronda e l’ampia sala centrale che occasionalmente diventa protagonista di rappresentazioni teatrali, concerti, sagre e mostre. Antola

Genova Medievale
Sabato 22 giugno ecco una passeggiata per scoprire la culla della nascente Repubblica Marinara detta la “Superba” che, come Venezia, vivrà ben 7 secoli. Attraverso i tipici Carrugi arriveremo a vedere: la prima torre, divenuta in seguito parte del Palazzo Ducale, i Portali di accesso all’antica città, la Cattedrale trecentesca dedicata a San Lorenzo, dove romanico e gotico troneggiano sotto a decorazioni realizzate con l’oro di Cristoforo Colombo. medievale

La Genova di De André
Sabato 22 giugno un suggestivo percorso attraverso i caruggi genovesi, alla scoperta dei luoghi dell’ispirazione musicale e poetica di Fabrizio De André, indimenticabile cantautore degli emarginati e poeta degli sconfitti. Partendo da Via del Campo, assurto a luogo simbolo della sua esperienza umana e musicale, dove è ambientata una famosissima canzone e dove sorge un museo a lui dedicato, ci si addentra poi nei più caratteristici angoli della Vecchia Genova, che conservano intatti gli odori, i sapori e l’atmosfera di un tempo, quali vengono descritti nelle sue opere. De André

Le botteghe di Genova
Sabato 22 giugno: Genova, dalla forte tradizione commerciale, è la città in Italia con il maggior numero di botteghe storiche attualmente funzionanti! Drogherie, cioccolaterie, confetterie, sartorie, tessuti, friggitorie, tripperie, trattorie e tante altre, Il tour porterà nel centro storico di Genova alla scoperta e nel ricordo di questo Patrimonio storico tutelato. Botteghe

Il cimitero monumentale
Domenica 23 giugno, si passeggerà sulle tracce di Frederich Nietzsche, Guy de Maupassant, letterati, viaggiatori, artisti e filosofi che hanno lasciato testimonianza delle loro visite, dove le sensazioni di grande impressione e fascino si trovano tra memorie pubbliche e private, dove la monumentalità si unisce alla suggestione romantica del paesaggio. Vedremo monumenti che ricordano personaggi storici, sia del mondo culturale che di quello artistico, e monumenti dedicati a figure pittoresche della tradizione popolare. Pantheon, Boschetto Irregolare, Campo dei 1000 sono altri punti di interesse che verranno analizzati. Staglieno

Genova e i suoi segreti
Domenica 23 giugno trekking urbano per scoprire la prima banca del mondo, la cella dove Marco Polo scrisse Il Milione, il piatto del Sacro Graal, il vassoio col quale venne servita la testa di San Giovanni Battista al Re Erode, il violino Guarnieri del Gesù di Nicolò Paganini. E ancora la chiesa di Santa Maria Maddalena protettrice delle prostitute sono spunti di interesse e curiosità di una città dai 24 secoli di storia. Segreti

Una passeggiata nella storia
Domenica 23 giugno, dagli eroi del Risorgimento fino al Campo dei Caduti per la Libertà, passando per i viali ombrosi che ospitano le Cappelle di famiglia e raccontano l’evoluzione dell’Alta Borghesia genovese. La storia e la memoria della città eternate nella pietra. Si suggeriscono scarpe comode e di munirsi di antizanzare nella stagione estiva. https://www.exploratour.it/

Il Palazzo Andrea D’Oria
Domenica 23 giugno maggio a scoprire i tesori artistici di un vero e proprio gioiello cittadino: Il Palazzo del Principe – Villa Andrea Doria. Villa del Principe venne costruita all’inizio del XVI secolo per Andrea Doria, il grande ammiraglio di Carlo V. Il Palazzo, costruito nella zona di Fassolo, subito fuori le mura cittadine a ponente, fu sede dell’unica vera corte della Repubblica genovese.  La visita, in un susseguirsi di ambienti riccamente decorati e arredati, consente di rivivere i fasti della famiglia e della stessa Repubblica. https://arteemusei.com/visita-guidata/il-palazzo-del-principe-villa-andrea-doria-genova.

la basilica di Carignano

Portofino e Tigullio

Il museo del bosco
Sabato 22 e domenica 23 giugno, visita al bosco al Lago delle Lame; come avventurarsi alla scoperta della natura e del suo fondamentale rapporto con l’attività dell’uomo, legata alla risorsa legno ieri come oggi. Attraverso pannelli illustrativi e allestimenti posizionati in un percorso tra gli alberi, si potranno riconoscere le varie essenze caratteristiche del Parco e comprendere come è cambiato nel tempo il rapporto dell’uomo con il bosco, dagli usi primari della preistoria quale fonte di energia rinnovabile alle lavorazioni della marineria del 1600 e alle antiche Carbonaie, per arrivare alla realizzazione di oggetti di design come le famose sedie chiavarine https://www.unamontagnadiaccoglienza.it/

Lavagna l’anello dei 3 Santi
Domenica 23 giugno, partenza da piazza Marconi a Lavagna, per trascorrere qualche ora sulle tracce del passato: un viaggio nel tempo immersi in una fitta rete di sentieri, scalinate e creuze che per secoli è stata lo scenario di chi voleva coltivare e commerciare, muoversi, vivere. Un territorio aspro che è stato plasmato, modificato, disegnato dall’impegno dell’uomo e della costruzione di migliaia di metri di muretti a secco. info@primetimeviaggi.com

Forest Bathing nella Foresta
Domenica 23 giugno: in un luogo incantato nell’Aveto per un vero e proprio viaggio andata e ritorno, che ti porterà ad incontrare il cuore pulsante della Foresta delle Lame. Un’intera giornata durante la quale ti inviteremo ad entrare in relazione con diversi elementi naturali, dalle antiche rocce moreniche agli alberi di faggio e abete, passando per la terra, con l’intento di stimolare quella parte più spontanea, genuina e saggia di te, veramente capace di vibrare al ritmo della Natura. Un’esperienza che ti catapulterà in una dimensione fuori dal tempo, che avrai l’occasione di assaporare istante dopo istante grazie ad uno stato di presenza consapevole e ascolto pieno. www.forestbathingliguria.it.

Coasteering Niasca Portofino
Sabato 22 giugno, scoprite questa emozionante attività guidata di circa 2,5 ore di coasteering a Portofino e lasciatevi trasportare dall’adrenalina mentre esplorate la splendida costa ligure. Saltate, arrampicatevi e nuotate nelle acque cristalline del mare mentre scoprite scogliere e formazioni rocciose con il vostro piccolo gruppo. Esplorate la costa di Portofino in modo emozionante e divertente. https://www.outdoorportofino.com/

Portofino kayak e Wine Tour
Domenica 23 giugno, goditi una pagaiata nelle tranquille acque del parco contemplando i colori caldi del tramonto nel mare. Ammira la bellezza di Portofino e del paesaggio che – pagaiando verso il Faro – si trasforma, lasciando spazio solo alla natura incontaminata. Un tuffo rinfrescante in questo tratto di costa è un’esperienza da non lasciarsi scappare. Rilassati e gioisci delle serate estive con un aperitivo a base di prodotti liguri e vino naturale locale. https://www.outdoorportofino.com/

Riapre il museo delle Patate
Sabato 22 e domenica 23 giugno riapre l’esposizione permanente sulle patate tradizionali della montagna genovese è stata realizzata a Rezzoaglio dal Parco dell’Aveto grazie ad un finanziamento specifico del gal Verdemare e affidato alla gestione del Consorzio della Quarantina. Il periodo di apertura del locale espositivo va dal 1° maggio al 30 settembre, nei giorni di sabato, domenica e negli altri giorni festivi. fabrizio.bottari@quarantina.it

Il polo di Borzonasca
Sabato 22 e domenica 23 giugno riapre la mostra “Pietre Incise, Teste Incise” – Le Teste Apotropaiche delle Valli del Parco. Appuntamento nel polo di Borzonasca. Fin dall’antichità la rappresentazione della “testa umana” come elemento comprensivo di tutte le facoltà intellettuali, è stata oggetto di grande interesse da parte di tutti i popoli. Nel corso del tempo questo fenomeno si è radicato nelle culture e nelle tradizioni, fondendosi con esse e dando così vita a produzioni che racchiudono in sè una serie di misteriose simbologie. Tra queste i “volti di pietra” che, alla pari delle altre rappresentazioni, sono probabilmente il prodotto di usanze e riti primitivi che hanno poi, col tempo, attenuato i loro primordiali significati, incarnandosi nel costume popolare. Tel. 3346117354.

Ti racconto il borgo
Sabato 22 giugno a San Fruttuoso una passeggiata in compagnia dell’architetto Alessandro Capretti, property manager dell’abbazia, alla scoperta delle tracce della cultura materiale legate alle attività della piccola ed “eroica” comunità di pescatori di San Fruttuoso. Un facile itinerario di approfondimento, per individuarle e conoscerne la storia, il funzionamento, utilizzando alcune piante locali, i restauri promossi per salvaguardare queste importanti testimonianze del passato e l’impegno quotidiano del Fai per la mitigazione del dissesto idrogeologico del borgo, in sinergia con gli Enti Pubblici di tutela del territorio. Fai

Ti racconto l’abbazia del Fai
Sabato 22 giugno si può partecipare a una speciale visita “Ti racconto l’abbazia” dedicata alla conoscenza dell’insediamento di San Fruttuoso attraverso diversi punti di vista: la storia, l’ambiente, la cultura materiale e i restauri. Nel corso della visita si potranno scoprire l’evoluzione storica e architettonica dell’abbazia così come la vita e le attività tradizionali della comunità di pescatori che abitarono il borgo. https://fondoambiente.it/luoghi/abbazia-di-san-fruttuoso/eventi

Il ritorno di horsewatching
Domenica 23 giugno, guidati da Evelina Isola, naturalista, guida ambientale escursionistica, si potrà scoprire il comportamento, la socialità e le dinamiche del famoso branco selvaggio dell’Aveto immersi nella natura del Parco. Da quest’anno le escursioni saranno caratterizzate da itinerari tematici in base alle stagioni: dalla via delle malghe in primavera, all’horsewatching con il micologo in autunno, per scoprire tutte le peculiarità del territorio delle Valli in ogni stagione.  icavalliselvaggidellaveto@gmail.com

Horsewatching Val d'Aveto
Horsewatching Vald’Aveto

Cinque Terre e Golfo dei Poeti

Dal vigneto alla cantina
Giovedì 20 giugno, l’escursione parte percorrendo in salita l’abitato di Manarola e, proseguendo lungo l’antica mulattiera, attraverso orti e campi coltivati, spesso a ulivo giungerete in località Groppo. Qui ci sarà modo di effettuare la visita della Cantina Sociale della Cooperativa Agricoltura Cinque Terre: la visita permetterà di scoprire le varie fasi di lavorazione e di coltivazione dell’uva. Al termine del tour sarà possibile degustare vini locali (degustazione facoltativa ed a vostro carico). Al termine rientro a Manarola con percorso in discesa. visiteguidate@ati5terre.it

Tour al tramonto a Corniglia
Venerdì 21 giugno, appuntamento con la guida alla stazione di Corniglia, davanti al Cinque Terre Info Point e da qui si inizia la visita percorrendo la “Lardarina”, la famosa scalinata di 377 scalini che vi porterà in paese. Qui la guida accompagnerà i partecipanti alla scoperta delle bellezze storico, artistico e culturali del borgo. Il tour è di livello semplice in quanto non è prevista la percorrenza di sentieri da trekking. È comunque consigliato un abbigliamento comodo e l’uso di scarpe sportive. visiteguidate@ati5terre.it

I misteri di Sarzana
Sabato 22 giugno a scoprire la città che è stata crocevia di eventi cruciali e luogo frequentato da personaggi guidati da protervia e indipendenza! Sarzana ha due fortezze oggi intatte, volute da Lorenzo de Medici, una Cattedrale imponente che ospita opere di prim’ordine, ma soprattutto Sarzana è piena di misteri come la spada infilata in facciata, le ombre della famiglia Bonaparte, i canonici mazziniani che hanno ordito il primo attentato esplosivo della Storia e il segreto della misteriosa morte del figlio dell’imperatore d’Austria. Molto altro sarà svelato durante la passeggiata lungo le viuzze del centro storico di questa cittadina elegante e piena di negozietti dalle vetrine sontuose e ricche di decorazioni vegetali. Sarzana

Gli alberi monumentali
Sabato 22 giugno la guida accompagnerà alla scoperta di in uno dei più bei sentieri verticali delle Cinque Terre: si salirà gradatamente su un solido selciato tra uliveti e vigneti che porta a scoprire scorci suggestivi di Vernazza. Lungo il sentiero si incontreranno i segni di una fervida devozione popolare espressa dalle ben conservate stazioni della via Crucis, bassorilievi in marmo collocati in edicole oppure incastonati nei muretti e, prima di giungere al Santuario di Reggio.  Qui l’attenzione sarà catturata da una particolare fonte la cui acqua sgorga da grosse maschere in pietra. Il santuario sorge a 317 metri sopra il livello del mare ed il suo ombroso piazzale ospita numerosi lecci e cipressi secolari. Di fianco alla torre campanaria si può ammirare il cipresso più antico della Liguria che ha ben più di 800 anni! Il tour proseguirà rientrando a Vernazza con percorso in discesa. visiteguidate@ati5terre.it

Tradizioni secolari, storia e cultura
Domenica 23 giugno tour di Vernazza e Monterosso. La guida del Parco nazionale porterà i partecipanti alla scoperta delle bellezze storico, artistico e culturali dei due borghi e lo spostamento da un paese all’altro avverrà con il treno. Il tour è di livello semplice in quanto non è prevista la percorrenza di sentieri da trekking. È comunque consigliato un abbigliamento comodo e l’uso di scarpe sportive. visiteguidate@ati5terre.it

Alta via dei Monti Liguri
Domenica 23 giugno Monterosso, Vernazza, Corniglia, Manarola, Riomaggiore, le Cinque Terre, 5 paesi della Liguria di Levante racchiusi da due promontori che danno vita ad un paesaggio unico in cui l’uomo e la natura formano una completa armonia. Riconosciuti Parco Nazionale e Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco nel 1997, questa zona è caratterizzata dalle piccole insenature rocciose e dai paesi circondati da migliaia di chilometri di muretti a secco coltivati a vite. Cultura della terra e cultura del mare si uniscono nella vita quotidiana di questi luoghi e attraversano il tempo. Alta Via 5 Terre

Visita a Luni
Sabato 22 e domenica 23 giugno le visite guidate saranno l’occasione per una visita ampia ed esaustiva all’area archeologica del sito. Colonia romana fondata nel 177 a.C., Luna, al massimo del suo splendore, si rivelava luccicante di marmo tanto da meritarsi la definizione di splendida civitas. Un’archeologa guiderà i partecipanti tra le strade della città, mostrando templi e domus patrizie, ma soffermandosi anche sui negozi e gli aspetti della vita comune e quotidiana. https://luni.cultura.gov.it/visita

Cinque Terre

Aggiungi a My Liguria
Rimuovi da My Liguria