Parco del Beigua – I Borghi

Parco del Beigua – I Borghi

L’ultimo arrivato, nel 2022, è stato Urbe che ha chiesto di rientrare nei confini di questo splendido parco regionale a cavallo tra le provincie di Savona e di Genova. Ma nel cuore del parco, in quell’entroterra selvaggio e antico, i borghi spuntano come tante gemme di una corona. Come quelli lungo le sponde dello Stura, Campo Ligure, Masone, Rossiglione, Tiglieto, di cui parliamo in un capitolo a parte. E poi Mele, Sassello e Stella.

Nome in dialetto: Beigoa

IAT: 45, Via Badano, 17046 Sassello

Telefono: 019 724020

Email: infosassello@parcobeigua.it

IAT: Piazza Beato Jacopo, 2, 17019 Varazze

Telefono: 019 935043

Email: turismo.sport@comune.varazze.it

IAT: Via Pionieri e Aviatori d’Italia, Aeroporto Piano Arrivi, 16154, Via Garibaldi, 12r, 16124, Ponte Spinola, 16128 Genova

Telefono: 010 5572903

Email: info@visitgenoa.it

IAT: Lungomare John Fitzgerald Kennedy, 10, 16011 Arenzano

Telefono: 010 9127581

Email: iat@comune.arenzano.ge.it

IAT: via della Giustizia, 5 Campo Ligure

Telefono: 010 921055

I seccatoi sono presenti in tutto il territorio del Parco sin da epoche antiche: edificio destinato a sede stagionale per la raccolta e la trasformazione dei prodotti del castagneto.

Lungo la strada della carta

Mele, l’ultimo Comune prima del Parco, ha legato il suo sviluppo alla produzione di carta, con opifici attivi fino a pochi decenni fa. Scoprirai che quell’antica tradizione è stata recuperata e valorizzata nello splendido Museo della Carta di Acquasanta. E sempre ad Acquasanta trovi il celebre Santuario, la cui Scala Santa replica quella romana di San Giovanni in Laterano.

Nel parco si trovano numerose zone umide: oltre 25 quelle di maggiore estensione tra stagni, torbiere, laghi.

Sassello, amaretti e funghi

Fin dal Medioevo Sassello era conosciuto quale centro di villeggiatura; non a caso è il primo Comune italiano a ottenere la Bandiera Arancione del Touring Club. Nel borgo vecchio vedrai palazzi affrescati e chiese barocche. Non dimenticare che questo paese è celebre per gli amaretti, dolce prelibato a base di mandorle e armelline; e perché nei boschi, tra le frazioni di Maddalena, Palo e Piampaludo puoi andare alla ricerca dei funghi porcini più conosciuti della Liguria.

La strada megalitica è una via delimitata da grandi blocchi, rivolta verso la vetta

Stella e Urbe

Scopri le cinque frazioni, disposte a “Stella”, che compongono e danno nome al Comune e risalgono al Medioevo; di quell’epoca restano ancora ruderi di castelli, mentre non perderti una visita alla casa natale di Sandro Pertini. Anche a Urbe troverai cinque piccoli borghi e numerose case sparse immersi tra i fitti boschi di faggi, roveri e castagni. Da qui puoi fare trekking in una delle tante varianti della Via del Sale attraverso il Passo del Faiallo.

Vivi

  • Consigli
  • Eventi
  • Itinerari
  • Experience
  • Consigli
  • Eventi
  • Itinerari
  • Experience