San Lorenzo e Vallata

San Lorenzo e Vallata

San Lorenzo al Mare è davvero un borgo con tante anime, ma quella ti colpisce subito è la sua anima sportiva “a due ruote”. A tua disposizione è la pista ciclabile percorribile in tutte le stagioni. Poi il mito: l’immediato entroterra di San Lorenzo si trova sul percorso di una delle grandi scalate della Milano-Sanremo, ovvero il borgo di Cipressa, sempre pronto per un aperitivo o una cena vista mare.

Nome in dialetto: Sàn Loénso a-o Mâ

IAT: Comune di San lorenzo al mare, Via Aurelia, 70, 18017 San Lorenzo al Mare (IM)

Telefono: 0183-930109

Email: comune@comune.sanlorenzoalmare.im.it

Una delle tante leggende sulla Maddalena narra che durante il viaggio dalla Terra Santa alla Provenza, avrebbe sostato su uno scoglio di fronte a San Lorenzo al Mare e qui si sarebbe fermata a pregare. Lo scoglio, detto di S. Maria Maddalena, è stato sommerso negli anni ’60 durante la costruzione del porticciolo comunale.

San Lorenzo: due borghi in uno

Antiche leggende ti parlano della fondazione di San Lorenzo ad opera di briganti. Questo è un paese speciale con due borghi che potrai scoprire sulle due sponde del fiume San Lorenzo. Solo nel 1749 i due abitati furono riunificati ed oggi, accompagnato dalle opere di Carin Grudda, artista tedesca, autrice di un autentico “museo diffuso”, puoi passare indifferentemente dal paese alla spiaggia libera con la sua sabbia fine, paradiso dei bimbi; dalla Chiesa della Maddalena al porticciolo, dal mare all’abitato più moderno con i suoi negozietti.

In questo viaggio nel mondo agreste, non tralasciare Torre Paponi, con il suo delizioso Museo della Giara.

La Valle del San Lorenzo verso Pietrabruna

La Valle del San Lorenzo si inerpica e lascia in pochi minuti l’aspetto marinaro per diventare bosco e ulivo. Sale a Pietrabruna, patria della stroscia, un dolce antico fatto con olio di oliva, diventato famoso in questi ultimi anni. Non mancare l’incantevole borgo di Boscomare, con la sua chiesa di San Bernardo Abate dalla pianta ellittica. Il paese è abbellito dai murales e dalle opere d’arte di giovani artisti cresciuti attorno allo storico atelier, “U gumbu de Miché”, ricavato da un antico frantoio. E infine, in questo viaggio nel mondo agreste, non tralasciare Torre Paponi, con il suo delizioso Museo della Giara.

Vivi

  • Consigli
  • Eventi
  • Itinerari
  • Experience
  • Consigli
  • Eventi
  • Itinerari
  • Experience