Olio extravergine dop

Olio extravergine dop

L’olio extravergine di oliva «Riviera Ligure» può essere ottenuto solamente da alcune varietà locali d’oliva.

Curiosità

In Liguria non esiste un solo tipo di oliva, bensì molte: i loro nomi sono spesso legati al territorio in cui si coltivano e a volte arrivano da leggende e tradizioni antichissime. Ecco le più importanti: Taggiasca, Arnasca, Carparina, Colombaia, Lavagnina, Mortina, Razzola, Pignola.

Caratteristiche

Il territorio comprende circa 2.427 ettari di superficie olivicola con 370 aziende consorziate. Ogni bottiglia d'olio DOP Riviera Ligure ha l'inconfondibile “collarino” numerato giallo del Consorzio di tutela: garanzia di qualità e identità territoriale. Il contrassegno rilasciato dal Consorzio di Tutela, contenente il marchio consortile ed un codice alfanumerico personalizzato per confezione, attesta l’autenticità del prodotto dall’oliveto all’imbottigliamento, con l’identificazione e rintracciabilità delle olive e il superamento delle analisi chimico – fisiche e sensoriali dell’olio. Il processo di tracciabilità giunge fino al definitivo confezionamento. Aspetto e sapore:  l’olio extravergine d’oliva Riviera Ligure DOP ha un sapore fruttato con sensazione di dolce più o meno accentuato ed eventuale leggera sensazione di amaro e piccante.

Come viene lavorato

La raccolta delle olive si conclude ogni anno entro il 31 marzo. I terreni idonei sono prevalentemente in pendenza, con disposizione a terrazze e con una formazione geologica che varia dal Ponente al Levante ligure. 

Dove trovarlo

[qui andrà il codice embed della mappa]

Vivi un viaggio nei sapori liguri

  • Ricette
  • Itinerari
  • Experience