Mortina

Mortina

Mortina, tra Savona e Genova, piccola e delicata, che ama il sole

Non la trovi mai da sola. Ed ha molte identità. Mille nomi ed una sola realtà, delicata amante impollinatrice, sincera eppure complessa, di antica fama, cara a chi la coltiva, la sente sua e lei ricambia, come sa e come vuole. Non camminerete mai soli, nell’oliveto.

 

Curiosità

Conosciuta anche come Merlina o Mortegna, è diffusa nell'aera tra a Savona, Zuccarello e Genova. Dà nome anche a molti luoghi liguri, tutti quelli, ad esempio, che in Liguria si chiamano Moltedo, Multedo, Murtedo, Morteo ecc.

Caratteristiche

Con un frutto piccolo, sferico, di colore lucente, simile al mirto cui deve il nome.Utilizzata per la produzione di olio, viene coltivata specialmente in località più calde ed esposte al sole, perché teme le basse temperature.
Gli alberi di Mortina raggiungono grandi dimensioni, con foglie piuttosto piccole ed acuminate, ma i frutti sono caratterizzati da un intenso colore nero e molto piccoli, con un'ottima resa in termini di olio anche se di estrazione difficoltosa.

Come viene lavorato

In cucina
Utilizzata esclusivamente per produrre olio e non da mensa.

Conservazione
Va conservato in luogo fresco e asciutto, al buio e tra i 12 e i 18 gradi, visto che la decomposizione dei polifenoli e dei componenti dell’olio extravergine di qualità è dovuta al tempo di contatto con agenti esterni come luce e calore.

Dove trovarlo

[qui andrà il codice embed della mappa]

Vivi un viaggio nei sapori liguri

  • Ricette
  • Itinerari
  • Experience