Pignola

Pignola

Dalla tradizione antica della valle Arroscia, la Pignola offre il suo sapore particolare
Un’affermazione, ancella dell’Arnasca, una antica presenza nell’arco ligure; radicata negli uliveti da una tradizione di impollinatrice e custode di oliveti secolari.

Curiosità

Deve il suo nome al gusto tipico dell'olio che produce, con un caratteristico sentore di pinolo.

Caratteristiche

Specie coltivata tipica della Provincia di Savona, molto produttiva in olio, pur avendo una dimensione non grande. Pianta rustica e poco esigente nella coltivazione. Resiste ottimamente al freddo, ma è sensibile alle condizioni metereologiche nella fase di fioritura.

Come viene lavorato

La Pignola è un'oliva tardiva, piccola, di colore nero. La brezza del mare che penetra tra le pigne dei pini marittimi le dona quel inconfondibile retrogusto di pinolo che si adatta perfettamente alle ricette senza coprire il gusto degli altri ingredienti. La Pignola si associa ad altre cultivar, in particolare alla Taggiasca, con un risultato molto equilibrato e di varia destinazione in cucina.

Dove trovarlo

[qui andrà il codice embed della mappa]

Vivi un viaggio nei sapori liguri

  • Ricette
  • Itinerari
  • Experience